varie
 

Recensione - Resident Evil

In anteprima su Gamebattles Italia

Inserita da Redazione il 23-01-2015 13:45:00

Prima di iniziare questa recensione voglio fare outing: non ho mai giocato al primo Resident Evil. O meglio, il gioco ce l’ho sempre avuto ed è ancora conservato con cura nella mia collezione insieme agli altri capitoli della saga, tuttavia ho sempre avuto un rapporto abbastanza conflittuale con questa serie. Il motivo è molto semplice in realtà: quando vidi per la prima volta Resident Evil a casa di un amico era il 1996, e avevo solo 5 anni: la scena del primo zombie che mangia il cadavere di Brad Vickers mi ha letteralmente traumatizzato, e anche a distanza di anni confesso che una parte di me continua ad essere “infastidita” dal gioco, tanto che anche gli altri capitoli della saga li ho giocati quasi controvoglia e solo per “obbligo” verso quello che, oggettivamente, è stato un tassello fondamentale nel genere survival horror. Bene o male li ho quindi provati tutti, ma non il primo. Almeno fino ad ora.

Quando mi è stato proposto di occuparmi della recensione del gioco non nego che all’inizio ho pensato di rifiutare e lasciarla a qualcun altro, tuttavia con il senno di poi devo ammettere di essere contento di aver accettato. Ho preso questa recensione come una sorta di “sfida personale” con me stesso, e di recuperare finalmente un pezzo di storia che mi mancava. E dire che di occasioni ne ho avute parecchie: il primo remake di Resident Evil infatti risale al 2002 su GameCube con il titolo Rebirth (ed è proprio questa l'edizione che è stata rimasterizzata, di nuovo, in Resident Evil), mentre nel 2006 è stato convertito anche per Nintendo DS, approdando infine nel 2009 su Wii. I poveri Chris Redfield e Jill Valentine sembrano quindi costretti a rivivere ciclicamente l'orrore di villa Spencer e i suoi terribili segreti... un po' confesso che mi fanno veramente pena. Non intendo comunque anticipare nulla della trama, sia perché immagino che molti di coloro che vorranno acquistare il gioco siano fan di vecchia data che conoscono a memoria ogni scena, sia perché così chi (come me) si avvicina al titolo per la prima volta avrà il “piacere” di scoprire per la prima volta tutti gli eventi all'origine della diffusione del Virus-T.

Appena avviato il gioco, dalle impostazioni si possono notare alcune delle principali novità introdotte oltre al miglioramento del comparto grafico (che approfondirò più avanti), ovvero la possibilità di settare il gioco in 4:3 per i più nostalgici oppure in un più moderno 16:9 a tutto schermo. Anche lo schema dei comandi può essere cambiato in qualsiasi momento, passando dalla mappatura classica dell'era PS1 (che richiede quindi l'uso di entrambe le levette analogiche per muovere il personaggio) ad una più attuale, dove movimento e direzione sono affidate unicamente allo stick sinistro, oltre a poter mirare e sparare con i grilletti come nella maggior parte degli sparatutto attuali. Non pensate tuttavia che i nuovi comandi possano rimediare alla storica “legnosità” dei protagonisti: Capcom ha voluto mantenere intatto lo spirito originale, con i movimenti quasi impacciati dei personaggi che, se all'apparenza possono apparire senza senso (e in parte è vero... dei soldati addestrati non riescono a fare una capriola per schivare o non sanno muoversi e sparare nello stesso momento? Seriamente?) in realtà erano progettati apposta per essere parte integrante dell'esperienza, poiché aumentavano il senso di insicurezza e tensione che si aveva nell'affrontare i nemici. Ed è ancora così.

Una volta scelte le impostazioni desiderate è il momento di selezionare la difficoltà con cui affrontare il gioco, che determinerà la resistenza dei nemici, il numero di colpi che possiamo subire e soprattutto la quantità di risorse che si possono trovare, e già a livello normale il loro numero è piuttosto esiguo. Anche la scelta se utilizzare Chris o Jill avrà conseguenze sul gioco: Jill infatti ha 8 preziosi slot per gli oggetti nell'inventario, inoltre è più agile e veloce nei movimenti, mentre Chris è più lento, ha solo 6 slot ma è più forte e resistente. Anche la trama cambia e, nonostante le due storie si incrocino più volte, sarà necessario completarle entrambe per avere un quadro completo. Infine ho trovato la storia di Jill leggermente più semplice, sia per il già citato inventario più ampio (e fidatevi, fa la differenza), sia perché affronta un numero minore di enigmi rispetto al suo compagno di squadra.

Il filmato di apertura mostra già i muscoli di questo remastered HD: eliminati i filmati con attori veri presenti nell'originale del 1996, il lavoro di rifinitura sulle cut-scene con il motore di gioco introdotte e ridoppiate con il remake del 2002 è decisamente buono considerato che si tratta pur sempre di un gioco di 13 anni fa, per cui nonostante i 1080p e 30 fps della versione Xbox One (su old gen la risoluzione invece è di 720p e 30 fps) il gioco tende comunque a sfigurare rispetto alle produzioni odierne. I modelli poligonali dei protagonisti e dei mostri sono comunque ben realizzati e tirati a lucido (specialmente le versioni alternative di Chris e Jill con i costumi della B.S.A.A. di Resident Evil 5), ma ciò che non convince del tutto sono gli scenari. Alcuni di essi sono stati ridisegnati da zero e si nota, mentre altri purtroppo stonano completamente con il resto a causa di texture in bassa risoluzione e fondali piatti, segno forse di un lavoro troppo frettoloso che non ha permesso una cura maggiore di tutti i dettagli. Buono invece il lavoro svolto sugli effetti di luce, con le fiamme delle candele piuttosto realistiche e che proiettano ombre dinamiche.

Ho impiegato circa 9 ore per completare la storia di Jill e altre 10 per quella di Chris entrambe a difficoltà normale, ma considerato che si trattava della mia prima esperienza probabilmente i più esperti potrebbero impiegare anche di meno. La mia sfida personale è quindi (finalmente) conclusa, ma adesso analizziamo pregi e difetti del gioco.
 

Amore

Un vero “ritorno alle origini”

- Inutile nascondersi dietro un dito: spesso questi remastered sono mere operazioni commerciali, ma non si può certo negare come l'effetto nostalgia faccia il suo sporco lavoro e i fan più accaniti saranno sicuramente contenti di poter rivivere nuovamente le emozioni (e gli spaventi) di un classico come Resident Evil. Volevate un ritorno alle origini della serie? Più originale di questo direi che non ne troverete in commercio.
 

Stile da vendere

- Anche se sono passati tanto anni, Resident Evil continua a fare paura esattamente come nel 1996, quando mi traumatizzò per la prima volta. Il gioco quindi avrà anche delle meccaniche di gameplay ormai vecchie e superate, ma a livello di stile e atmosfera ha ancora qualcosa da insegnare alle serie horror moderne. Resident Evil stessa compresa.
 

Gradite aggiunte

- Solo una precisazione: per “originale” intendo proprio quello del 1996, e non il remake del 2002 di cui questa versione è il remastered. Le novità introdotte infatti erano già presenti nella versione GameCube, ma se non l'avevate giocata troverete alcuni cambiamenti, come l'introduzione di oggetti da difesa utili per sfuggire alle prese degli zombie, dialoghi riscritti e ampliati, aree della villa inedite e soprattutto i Crimson Head, versioni potenziate dei normali zombie più veloci e difficili da abbattere. Quando si elimina un non-morto senza un colpo alla testa, infatti, questo potrebbe rigenerarsi dopo poco tempo e tornare a perseguitarvi sotto forma di Crimson Head: l'unico modo per prevenirlo è bruciare i cadaveri che si incontrano, a patto di avere delle fiaschette di cherosene e fiammiferi disponibili... inutile specificare come si tratti di preziose risorse e che non sempre sarà possibile usare questa strategia.
 

Prezzo budget...

- Pur trattandosi di un "remake di un remake" (remakeception!) mi sarei aspettato di vedere questo Resident Evil venduto comunque a prezzo pieno o quasi, e invece Capcom ha avuto quantomeno il buon senso di stabilire come prezzo 19,90 Euro, un costo decisamente abbordabile e accessibile a chiunque, sia ai fan di vecchia data sia a chi magari è solo curioso di scoprire il perché della fama di Resident Evil.

Odio

...ma solo in digitale

- Peccato solo per la scelta di eliminare la distribuzione di copie fisiche del gioco come invece è avvenuto in Giappone. So che si tratta di un problema minore che interessa i pochi “maniaci delle scatole” come me, ma il pensiero di non avere la confezione di questo remake nella mia collezione è veramente fastidioso...
 

Le nuove leve potrebbero non apprezzare

- Sia chiaro, non ho nessuna intenzione di fare la figura del retrogamer nostalgico con anni e anni di esperienza sulle spalle, tuttavia posso capire chi magari è ancora più giovane di me ed è abituato ad ben altri ritmi di gioco. Resident Evil è lento, a tratti frustrante e pieno di enigmi che possono portare anche a rimanere bloccati in alcuni punti, ma se questi sono stati i suoi punti di forza all'epoca (e lo sono tutt'ora) chi invece è cresciuto con titoli molto più frenetici e guidati (come lo stesso Resident Evil 6) potrebbe non apprezzare questo stile di gioco più "vecchio" e datato.
 

Tiriamo le somme

Resident Evil è quindi esattamente quello che ci si aspetta da un (ennesimo) remake del gioco: i fan ritroveranno tutti gli elementi che hanno reso celebre il titolo Capcom tirati a lucido con grafica a 1080p sulle nuove console, ma anche per chi non avesse avuto modo di giocarlo si tratta di un'ottima occasione per recuperare un pezzo di storia dei videogiochi. Il gameplay “vecchio stile” e i comandi legnosi faranno storcere il naso a chi è abituato ai titoli più moderni, ma il prezzo accessibile invoglia comunque quantomeno a dare una possibilità al gioco anche ai non fan. Adesso speriamo solo che il prossimo RE 7 sappia prendere ispirazione dal suo capostipite e ci regali un titolo degno di questa serie! 8.0

Inserisci un commento

Ultime dal forum

 

Postato da angelorizzo il 13-01-2018

sì spero e mi aspetto che su di lui! __________________________________________________ __________ Comprare kamagra oral jelly (http://medicalfarmacia.com/c

 

Postato da caramello il 31-12-2017

spero che sarà possibile

 

Postato da gusev il 16-10-2017

Mi unisco!

 

Postato da albinomilani il 12-09-2017

Chiedo anch'io la stessa domanda! _________________________________________________ comprare levitra 10mg (http://farmaciafabrizi.eu) online in Italia

 

Postato da achraf196 il 07-09-2017

ciao @Nemesis gbi (http://www.gamebattles.it/forum/member/10-nemesis-gbi) , quest'anno ci sarà la possibilità di ricevere gli accrediti come gli scorsi anni

 

Seguici su Facebook

 

Game Battles MLG Italia - Copyrights @2006-2015